Suggerimenti per una corretta alimentazione

zuppa

- compiere regolarmente cinque pasti al giorno (colazione, spuntino di metà mattina, pranzo, spuntino del pomeriggio e cena);

- frazionare l’intera quantità giornaliera di cibo in pasti piccoli e frequenti;

- è sconsigliabile ridurre il numero dei pasti a due o addirittura ad uno solo (è dannoso effettuare un unico pasto la cena);

- non è vantaggioso saltare i pasti;

- mangiare lentamente, masticando bene;

- incrementare il consumo di verdura: aumenta la quantità di fibra, oltre che il senso di sazietà;

- condire i primi piatti con sughi semplici, come fondo di cottura per i secondi piatti utilizzare poco olio (eventualmente con vino bianco);

- preferire carne bianca, come pollo e tacchino;

- aumentare il consumo di pesce (due volte alla settimana);

- aumentare il consumo di legumi (ottime fonti di proteine, in abbinamento con la pasta);

- attenzione ai formaggi: sono generalmente molto grassi, preferire quelli magri, come la ricotta magra;

- evitare il latte intero, preferire quello scremato o parzialmente scremato;

- come spuntino, scegliere un frutto di stagione, una spremuta oppure uno yogurt (magro o alla frutta);

- evitare bevande zuccherate;

- evitare di dedicarsi ad altre attività mentre si mangia;

- fare almeno una pausa durante i pasti;

- evitare di restare seduti a tavola dopo i pasti;

- fare la spesa quando si è sazi e non lasciarsi tentare dai cibi esposti;

- fare la spesa seguendo una lista organizzata;

- evitare di tenere in dispensa cibi ad alto contenuto di grassi e iperenergetici;

- svolgere regolare attività fisica (camminare a passo sostenuto per 30 minuti, senza fermarsi, cinque giorni alla settimana, è considerata un’attività moderatamente intensa);

- imparare a riconoscere lo stimolo reale della fame e a distinguerlo dalla fame emotiva o psicologica (evitare di mangiare per noia, per piacere, per ricompensarsi, per nervi…);